Vai al contenuto

Abbiamo iniziato

Ieri per il MoVimento 5 Stelle Ferrara è stato un giorno storico, primo Consiglio Comunale della nuova legislatura e noi ci siamo presentati all'appuntamento con ben cinque cittadini eletti (secondo gruppo più numeroso dopo il PD).
Già alla prima seduta abbiamo dimostrato di essere pronti e vigili e la presenza del M5S, come al solito, si è subito percepita.
Il neo Presidente del Consiglio Comunale è stato eletto anche grazie ai nostri voti, ci dicono sempreche diciamo di no ed invece ieri abbiamo detto si al Consigliere che alle Elezioni Amministrative ha riportato il maggior numero di preferenze e poi, cosa da non sottovalutare, il neo Presidente ha promesso una riduzione dello stipendio del 15%.

E' chiaro e ovvio che avremmo preferito che la riduzione fosse più corposa, ma diciamola tutta, se il gruppo del M5S non ci fosse stato tra i banchi del Consiglio Comunale, il neo Presidente avrebbe fatto questo gesto? Forse si o forse no, ma la nostra presenza, a Roma come a Ferrara, serve a incalzarli a far si che in qualche modo prendano degli esempi giusti e facciano delle scelte di buon senso.
Ieri è stato solo l'inizio, continueremo a farci sentire con l'unico obiettivo di perseguire il bene comune.

Il M5S di Ferrara, dopo una consultazione al proprio interno ritiene opportuno esprimersi pubblicamente in merito alla elezione del presidente del consiglio comunale.
La nostra decisione è maturata in seguito a queste due considerazioni:
a) rispettiamo la prassi della legittimazione popolare che vede la figura del presidente del consiglio comunale rappresentata del candidato consigliere con il maggior numero di preferenze.
b) la politica deve essere al servizio del cittadino, perciò considerata l'attuale crisi economica, riteniamo che i costi della politica debbano essere il più possibile contenuti. Richiediamo pertanto al candidato presidente del consiglio comunale di ridursi il proprio compenso (che oggi ammonta a 3.700 euro lordi) in modo significativo. Questo gesto sarebbe rispettoso verso quei cittadini che faticano ad arrivare a fine mese e nel frattempo andrebbe nella direzione che noi intendiamo perseguire.
Il nostro sostegno andrà quindi la persona che meglio incarnerà queste due caratteristiche, in caso contrario valuteremo la astensione.