Vai al contenuto

Il Sindaco uscente Tagliani non perde un minuto in queste settimane pre-elettorali per apparire ovunque, nella sua veste istituzionale, assolvendo a tutti gli impegni di massima visibilità. Premiazioni e inaugurazioni di ogni genere, sino alla visita al Quirinale dal Presidente della Repubblica, uno spot strumentale spudorato, un atto politico discutibile e piuttosto sospetto in piena campagna elettorale.Speriamo che, nella loro conversazione sulle iniziative culturali di Ferrara, abbia almeno avuto l'onestà intellettuale di avvertire Napolitano che Ermitage Italia, da lui inaugurato solennemente nell'ottobre 2007, non è più a Ferrara, se lo sono presi i veneziani, che forse riusciranno a gestirlo un tantino meglio.

Tutto ciò accade mentre la campagna elettorale degli sfidanti, in particolare dell'avversario più temibile, il MoVimento 5 Stelle, si trasforma in una corsa ad ostacoli: spazi ristretti per comizi tra le bancarelle, banchetti impediti, controllati e contestati senza motivo dalla polizia municipale (come successo giovedì scorso in area mercato), regole e costi (350 euro per una sala!) fortemente penalizzanti per chi, come il M5S, non dispone di risorse economiche.
La sensazione, dunque, è sempre quella, pesante e soffocante, come l'umidità nei giorni delle estati ferraresi, di una classe politica che in decenni di potere ha tessuto una tale rete di connivenze, favori e relazioni per penetrare in ogni piega della struttura sociale, economica e culturale del territorio, da far percepire quasi come eversivo qualsiasi tentativo di cambiamento.
Un potere enorme, indiscusso e MAI ostacolato sin dall'eraSoffritti-Cristoforiche, come tutti i ferraresi d.o.c ben sanno, hanno governato assieme questa città, spartendosi spazi di influenza e di potere per anni. Per questo il PD, l'ibrido cattocomunista, ha trovato a Ferrara terreno fertilissimo e ha moltiplicato i propri tentacoli, arrivando ovunque.

A Ferrara e dintorni ogni spazio è controllato, direttamente o indirettamente, dal PD, si va dai servizi con le partecipate, alla cultura, all'edilizia, alla sanità, all'informazione, al mondo cooperativo e, quindi, del lavoro. Tutto questo ha eretto un muro di omertà, una rete di "do ut des", di debiti e crediti, che, in sfregio alla libertà di espressione di ciascuno, condiziona la vita di una grossa fetta di cittadinanza che lavora grazie a questo legame forte.A Ferrara in troppi vivono sotto ricatto, col timore di perdere il posto di lavoro. Ne abbiamo esempi diretti, anche tra le fila degli attivisti e sostenitori del M5S.
Leggendo ed ascoltando i temi e le proposte di questa campagna elettorale, si trovano diversi passaggi comuni all'interno dei programmi a confronto. E' un palese segno dei tempi: quando si arriva a situazioni di emergenza, disagio reale e diffuso o addirittura a una crisi di Sistema, certe scelte diventano strade obbligate e condivise.
Ma c'è una cosa che contraddistingue tra tutti il MoVimento 5 Stelle ed è ciò che i cittadini rappresentanti che saranno eletti possono fare immediatamente,una promessa solenne che si può mantenere in tempi rapidiin caso di vittoria, ma anche dai banchi dell'opposizione:"aprire il pentolone ", mettere in campo unamassiccia operazione di TRASPARENZA.Una verifica su appalti e concorsi, sulle poltrone nelle partecipate, sui bandi pubblici, sulle cooperative di varia natura legate al PD,sugli attori della politica culturale,per creare spazi e opportunità nuove e allargate, per utilizzare e premiare il merito e l'impegno e rompere il monopolio delle protezioni clientelari, che hanno portato spessopericolosi incompetenti in posti chiave.
Questa operazione la può fare solo chi, come il MoVimento 5 Stelle, è completamente svincolato da legami e sta combattendo, anche a livello nazionale, una classe politica che da sempreutilizza la menzogna come strumento di governo, a tutti i livelli. E il sindaco Pinocchio non ne è esente.

MoVimento 5 Stelle Ferrara

Lunedi 19 maggio alle ore 21 presso la sala polivalente del Grattacielo si terrà la riunione dei rappresentanti di lista.

Stavolta possono batterci solo annullandoci voti e noi NON possiamo permetterglielo ecco perchè è fondamentale essere presenti. Date la disponibilità compilando questo modulo!!

Vi aspettiamo!