Vai al contenuto

  ⬅CLICCA SULLA FOTO PER VEDERE L'ALBUM

Spettabile Assessorato competente

Con la presente comunicazione chiedo agli organi competenti dell’Amministrazione comunale che si attivino ai fini della cancellazione immediata di tutti i graffiti e scritte (alcune delle quali già probabilmente attenzionate dalla Digos) visibili sulle pareti della scuola elementare Corrado Govoni, sia in via Fortezza che in via Castel Tedaldo, nonché sulle pareti delle case del lato ovest di piazza XXIV Maggio e sulla adiacente piazzetta dove si trova la giostrina per i bambini – area peraltro frequentata da spacciatori di colore, già segnalati, di sera.

All’uopo si allegano le fotografie delle scritte delle quali si chiede la rimozione, non solo perché già segnalate dai cittadini residenti in via Fortezza in più occasioni, sia con lettere e comunicazioni mail, sia sul sito Fedro (nelle seguenti date 25/6/17, 14/6/17, 24/9/17, 21/10/17, 9/11/17, 14/12/17, 13/1/18 e 7/2/18 … quindi segnalate già sette volte all’Amministrazione), ma anche perché, come facilmente immaginabile e come assodato da letteratura specifica, il degrado aumenta ed è favorito dalla presenza, in una zona già a rischio di degrado, di graffiti e scritte sui muri. La stessa letteratura informa che, in contesti urbani dove il decoro e il monitoraggio dello stesso è elevato, vi sono meno atti di vandalismo e vi è un maggiore rispetto della proprietà privata e delle strutture pubbliche.

Il fatto poi che tali scritte continuino ad essere apposte su una struttura scolastica ne rende ancora più urgente la cancellazione, anche se ciò implica costi di intervento.

Claudio Fochi, M5S Ferrara

In piena ottemperanza con gli articoli del Regolamento per la Disciplina delle Forme della Partecipazione Popolare all’Amministrazione Locale (art. 5 e seguenti), i cittadini residenti a Ferrara in via Scalambra e zone limitrofe (ma non solo) hanno sottoscritto una petizione per chiedere al Sindaco e all’Amministrazione comunale di realizzare aree ludiche per bambini e spazi verdi nelle zone dove, come ormai sappiamo bene, insistono nove edifici scheletrici ed abbandonati che circondano un unico condominio abitato.

La petizione, che vede come primi firmatari il consigliere comunale del M5S Claudio Fochi (ma che è sottoscritta anche da altri esponenti grillini) e una trentina di residenti di via Scalambra, è stata protocollata il 12 febbraio. Chiede esattamente che venga realizzato uno spazio giochi per bambini con aiuole, alberi e panchine in zona adiacente il condominio situato fra via Scalambra e via Maffino Maffi (localizzata dai competenti uffici comunali), in modo da lenire parzialmente il disagio delle famiglie ivi residenti, da anni circondate da 9 edifici scheletrici e abbandonati in zona degradata priva di infrastrutture e senza spazi ricreativi per bambini.

La zona, come si sa, soggetta ad evoluzione urbanistica, è già stata sulle cronache per atti di vandalismo, criminalità e dubbie frequentazioni ed è a rischio di degrado, anche a causa dei cantieri per il momento abbandonati.

Si spera quindi che tale atto di democrazia partecipata possa contribuire a sensibilizzare la Giunta Estense al fine di riqualificare la zona, in sinergia e nei limiti imposti dalle aree di proprietà dell’azienda edile addetta alla costruzione e urbanizzazione della stessa, che ha sede a Brescia e si spera riprenda i lavori in stallo.

Se ne discuterà presto in terza Commissione consiliare, occasione durante la quale gli organi competenti potranno ascoltare la voce dei cittadini interessati firmatari della petizione.

Siamo vicini e supportiamo le famiglie di via Scalambra e via Maffino Maffi che meritano di vivere in una zona strutturata e dotata di servizi, così come erano inizialmente previsti nel progetto di urbanizzazione, inclusi spazi giochi per i bambini delle 36 famiglie residenti e zone verdi fruibili.

Claudio Fochi, M5S Ferrara