Le tecniche escogitate dalla produzione e dallo smercio di merce contraffatta per sfuggire ai controlli delle Forze dell’Ordine si fanno sempre più sofisticate. Contestualmente, il “fatturato” (si fa per dire) del falso è in forte aumento e dà lavoro parallelamente a un numero sempre più numeroso di venditori abusivi, non solo sulle spiagge d’estate ma anche a Ferrara (non escluso il cortile del Castello Estense e il sagrato del Duomo).

Poiché questi fenomeni, sempre più in aumento, comportano un minor gettito fiscale, ingenti quantità di posti di lavoro “regolari” sottratti all’occupazione locale e gravi danni alle industrie o imprese italiane e poiché sono fortemente presenti anche nella nostra Città (e in provincia), il Movimento 5 Stelle di Ferrara chiede, con un Ordine del Giorno presentato dal consigliere Claudio Fochi, di potenziare sia i controlli su abusivismo e contraffazione che le risorse umane e i mezzi in dotazione alle Forze dell’Ordine e alla Polizia Urbana impiegate nel monitoraggio e nel contrasto di queste attività.

Ricordiamo, che proprio nell’ultimo Consiglio comunale (lunedì 19 giugno scorso) è stata votata, anche dal M5S, una risoluzione del Partito Democratico che certifica una preoccupante carenza strutturale di risorse delle Forze dell’Ordine, dove si legge testualmente: “... progressiva e cronica mancanza di personale… e … l’assoluta impossibilità di garantire i servizi fondamentali di sicurezza e tutela dell’ordine pubblico…“.

Parole tanto forti quanto terribilmente preoccupanti che dimostrano un totale cambio di registro sostanziale e lessicale rispetto alla minaccia di una criminalità solo “percepita” che il partito di maggioranza descriveva fino a non molto tempo fa.

Condividiamo quindi tali preoccupazioni e ci auguriamo che il nostro appello venga raccolto e implementato.

Leggi anche: www.movimento5stelleferrara.it/venditori-abusivi-molestano-turismo-scolastico-ferrara/

Claudio Fochi

Consigliere M5S Ferrara

Non pensate anche voi che ci sia qualcosa di incongruo e paradossale se in alcune aree della Città (zona Acquedotto, viale IV Novembre e mura adiacenti) gli spacciatori possono agire praticamente indisturbati mentre ai residenti e cittadini tutti è severamente vietato, pena l’applicazione di odiose multe, passeggiare accompagnati dal proprio cane, anche se al guinzaglio o con museruola?

Non sarebbe forse il caso di concentrare le forze sulle vere situazioni di degrado legate, ad esempio, al traffico di stupefacenti e all’abbandono indiscriminato dei rifiuti invece di sprecare risorse e interventi dei funzionari su cittadini inermi e solvibili?

L’abbiamo chiesto direttamente all'Amministrazione comunale attraverso una interrogazione, attendiamo curiosi le delucidazioni necessarie.