Vai al contenuto

Dopo la fallimentare ammissione di Sindaco e Giunta in merito alla gestione della sicurezza della Città, ci saremmo aspettati al termine della supplica poco edificante la presentazione delle loro dimissioni. “Va bene abbiamo sbagliato tutto, scusate andiamo a casa”.

E invece? “Insistiscono” diceva quel comico, quello vero, e per di più ti propongono la soluzione! Le Forze d’intervento su modello Puglia. Che tradotto in termini semplici per il popolo è l’esercito! Ma come? Ci hanno insultato per anni per averlo proposto noi per primi ad inizio mandato bollandolo come causa di incremento di disagio e pericolo. Ma riuscite a immaginare un gruppo di improvvisati incapaci peggiore di questo? Noi no. Hanno dovuto far picchiare, derubare, degradare e spacciare a più non posso prima di accettare la soluzione che il M5S propose da subito. E non crediate che adesso, visto lo stato avanzato di criminalità, abbiano la possibilità di successo. Se non altro perché la soluzione pensano di continuare a gestirla loro.

Nonostante le numerose attività ludiche, ricreative e culturali implementate nel Quartiere e la moltiplicazione dei mediatori culturali. Questo problema non si risolve solo con i concerti né con i campi di beach volley né con le cene etniche né con il ridicolo ‘Patto per la Sicurezza’ né con gli inutili e burocraticamente dispendiosi daspo di 48 ore. Qui siamo di fronte ad un vero problema strutturale di sicurezza che la Giunta pensa ora di risolvere con l’aiuto di un corpo militarizzato (F.I.R. Forze di Intervento Rapido).

Non è mai troppo tardi per implementare le proposte suggerite da molto tempo dal M5S.

Ci aspettiamo però che la consigliera del PD Baraldi accusi il Sindaco di “creare allarme sociale” a causa dell’intervento dell'esercito, per coerenza, come fece proprio con il M5S.

M5S Ferrara

Nel frattempo si ripropongono le inchieste giornalistiche sulle discariche ferraresi. Ermetica ed arrogante la risposta del Sindaco. Quali cittadini avrebbe incontrato e quando?

In attesa dell’esito delle indagini della Pubblica Autorità a seguito degli esposti effettuali dal M5S nel 2016 e 2017 sulla vicenda delle coltivazioni in essere nella ex discarica abusiva di Cà Leona (Ferrara), vi riproponiamo una recente sintesi documentale che contesta le affermazioni del Sindaco rilasciate proprio nel video reportage di Fanpage.it.

Movimento 5 Stelle Ferrara