Vai al contenuto

La zona GAD, incluso i dintorni di piazza XXIV Maggio, solo una decina di anni fa agognata zona residenziale, appare sempre più degradata, nonostante gli sforzi di riqualificazione (soprattutto con eventi) di una Amministrazione comunale che non ha saputo invertire la tendenza.

Spaccio di droga a parte (tollerato anche dalle Forze dell’Ordine), compaiono sempre più graffiti e scritte preoccupanti (già in precedenza attenzionate dalla Digos), soprattutto in via Fortezza, proprio nei pressi della scuola elementare, dell’asilo e della palestra. Scritte segnalate dai cittadini residenti ufficialmente già da mesi alle competenti autorità comunali ma senza riscontro, poiché non sono ancora state cancellate, nonostante ripetuti solleciti.

Adesso via Fortezza sembra sempre più periferia, nonostante sia dentro le mura e a pochi passi dalla zona pedonale del centro.

Come bene insegnano la sociologia urbana e la pianificazione urbanistica residenziale, una riqualificazione sociale di un’area residenziale degradata dovrebbe opportunamente passare attraverso una riqualificazione edilizia ed architettonica unitamente ad una ricalibrazione dell’arredo urbano. È provato, infatti, che le aree in veloce degrado, per effetto di ridondanza, sono più soggette sia ad atti di vandalismo che ad essere imbrattate da graffiti e scritte che le deturpano ulteriormente. Cosa che invece succede in misura molto minore in zone con alto tasso di decoro urbano, urbanisticamente e architettonicamente riqualificate.

Invece, di riqualificazione dell’edilizia, del decoro e dell’arredo urbano, tutto quello che abbiamo visto per ora in questa zona è uno stadio che continua a gonfiarsi in mezzo alle case, con alberi abbattuti, viabilità ridimensionata e disagi per i cittadini residenti.

Ci vuole ben altro. Non basta tentare di riqualificare il Quartiere con eventi effimeri. Ci vogliono interventi urbanistici strutturali e strutturati.

La sensazione è che ormai l’Amministrazione comunale targata PD stia gettando la spugna e si rassegni totalmente a perdere il consenso dei residenti (quel poco che è rimasto) tanto appaiono velleitari e timidi i tentativi di riqualificazione che hanno avuto visibilmente scarsi risultati.

Nel frattempo, per favore, che si cancellino le scritte mostrate nelle foto che alleghiamo, degne di una periferia degradata, non del Quartiere Giardino di Ferrara.

Claudio Fochi, M5S Ferrara

Maggioranza allo sbando su questione sicurezza.

Proseguono gli interventi dall’alto degli Enti Pubblici, con un’altra bocciatura totale della linea del Sindaco, della Giunta e dei consiglieri del PD. Mentre la 3a Commissione perde il Presidente di SI dimissionario.

Proprio per questo, oggi ho richiesto una convocazione urgente al vicepresidente di Commissione. Il Sindaco e l’assessore Modonesi vengano subito a riferire al Consiglio comunale, indispensabile vista l’ennesima smentita pubblica e l’evidente difficoltà gestionale di questi amministratori.

Ilaria Morghen, M5S Ferrara