Il nuovo mercato rionale settimanale dell’Acquedotto (piazza XXIV Maggio), inaugurato ieri giovedì 13 aprile, è una manifestazione fortemente voluta e richiesta anche dal Movimento 5 Stelle e può essere a tutti gli effetti considerato come una vittoria di democrazia partecipativa.

All’origine di tale iniziativa, infatti, vi è una petizione sottoscritta da più di 300 cittadini (la maggior parte residenti proprio in zona GAD) che ha visto come promotori e presentatori il consigliere comunale di Ferrara del M5S Claudio Fochi (primo firmatario, nonché residente), la pizzeria e il bar presenti sul lato sud della piazza, tutti gli altri consiglieri M5S e altri esercenti locali.

Siamo molto soddisfatti che, dopo il vaglio tecnico della nostra petizione, il Comune abbia dato il via alle consultazioni con le associazioni deputate all’allestimento del mercato (ANVA, Strada dei Vini e dei Sapori, agricoltura biologica) che si sono concretizzate con più di una ventina di banchi vendita presenti il giovedì mattina nell’anello attorno al monumentale acquedotto, con l’obiettivo dichiarato di contribuire anche a riqualificare una splendida zona della città purtroppo, da alcuni anni, afflitta da criticità afferenti criminalità e spaccio di droga, sia di notte che di giorno.

Nel ringraziare tutti i cittadini che hanno firmato la petizione, inoltrata nel 2016, e hanno fortemente creduto in questa proposta, per dovere di cronaca, ne riportiamo il testo:

“I seguenti cittadini firmatari … CHIEDONO AL SINDACO DI FERRARA E ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE che venga istituito un MERCATO RIONALE CON FREQUENZA SETTIMANALE (con orari e giorno da decidere in comune accordo con le associazioni di categoria) a FERRARA IN PIAZZA XXIV MAGGIO, attorno allo stabile denominato ACQUEDOTTO. Poiché è noto che la zona proposta è inserita in un quartiere che necessita riqualificazione economica, sociale ed ambientale, si richiede altresì che l’Amministrazione, oltre ad agevolazioni su oneri derivanti da occupazione di suolo pubblico (Cosap), si impegni a sostenere gli oneri di una adeguata ed efficace PROMOPUBBLICITÀ”.

Altrettanto soddisfatti sono anche i cittadini e residenti firmatari che accolgono favorevolmente l’organizzazione dell’iniziativa ma contestualmente lamentano, da parte delle due maggiori testate giornalistiche cartacee ferraresi, una totale assenza di menzione nei loro confronti negli articoli pubblicati oggi in occasione dell’avvenuta inaugurazione.

Lungi da noi voler rivendicare paternità politiche, il M5S si associa al parere dei cittadini e allo stesso tempo ringrazia ancora l’Amministrazione per aver dato applicazione concreta alla proposta.

Claudio Fochi consigliere comunale M5S Ferrara

 

COMUNICATO STAMPA

L'attuale amministrazione comunale, che ha organizzato banchetti nel centro storico per sensibilizzare la cittadinanza al problema del gioco d'azzardo e della ludopatia (che secondo autorevoli fonti interessa 800 mila persone nel nostro paese ) non riesce ad impedire la presenza di stand che promozionano il gioco d'azzardo in occasione di eventi pubblici come il Balloon Festival, la fiera del tempo libero “Liberamente” (entrambe patrocinate dall'amministrazione comunale) o la presenza di macchinette slot all'interno di circoli Arci (che nei loro statuti le osteggiano).

Tra l'idea e la realtà, cade l'ombra, dice T.S. Eliot nel poema “Gli Uomini Vuoti”. E vuota appare la retorica con la quale l'amministrazione comunale fa finta, con velleitarie ordinanze temporanee, di lottare contro la diffusione incontrollata del gioco d'azzardo.

Evidentemente non tutti sanno che esiste la possibilità di fregiarsi , per gli esercenti richiedenti che scelgono di non installare macchinette slot, del marchio “Slot freE.R.”, introdotto con legge e delibera regionale, che da anche la possibilità di affiggere apposita vetrofania. Ma chissà perché nessun esercente ferrarese ha deciso di avvalersene.

Per ovviare parzialmente a tale incongruenza e per dare vantaggi concreti agli esercenti che scelgono, pur potendolo fare, di rinunciare ai proventi derivanti da installazione di macchinette slot, il M5S, con Ordine del Giorno del consigliere Claudio Fochi, propone alla giunta sia che l'amministrazione comunale si attivi per dare maggiore visibilità e informazioni sul marchio “slot freE.R.” sia che tale marchio possa dare diritto a un punteggio preferenziale, percentualmente quantificato nel 5% – nei bandi comunali per la concessione di contributi, finanziamenti, agevolazioni e facilitazioni – a esercizi commerciali, gestori di circoli privati e altri luoghi deputati all'intrattenimento.